Il sito del paesaggio

home
 

DISCUSSIONI

UN INTERVENTO DI JORGE GOLDFARB 
CON LA RISPOSTA DI ROBERTO BAROCCHI (vedi in fondo alla pagina)

Some Notes on Landscape Criticism and R. Barocchi’s QualitativeClassification of Landscapes.

Jorge D. Goldfarb

R. Barocchi, in his article on La classificazione del paesaggio, ( LINK to page), proposes a qualitative categorization scheme of landscapes . In my view, a positive feature of Barochi's categorization is that it attempts to answer the question of purposeful human intervention for all sorts of landscapes and not only for some privileged ones. Quite a lot of academic and governmental activity has been centered in the later decades around the selection of cultural landscapes, heritage landscapes or outstanding landscapes. What these categorizations have in common is that they are directed to select privileged landscapes, to which a maximum effort should be devoted to preserve them; however, they leave open the question of what should be done with the ones which are not privileged. Since these  include the vast majority of landscapes we may encounter in our life world and constitute the battle-ground over which opposing social forces contend, hence the relevance of Barocchi's categorization scheme to the main contemporary landscape problematic.

The intention of the present article is to explore the role that Landscape Criticism may play in the application Barocchi's qualitative classification (and, by extension, of other qualitative categorizations) to individual landscape instances. We  might, succintly, assert that the connection with landscape criticism stems from Barocchi's main tenet: "tanto maggiore è il valore paesaggistico di un luogo, tanto meno, in genere esso sopporta interventi che lo modifichino". Since the driving criteria for categorization are Landscape Values and, since Landscape Criticism is mainly concerned with judgments about values, hence the connection. This does not mean that Landscape Architecture, Geography, Aesthetics, Environmental Science and other disciplines do not have a role to play.  Landscape Criticism, if wisely undertaken, should selectively draw from those other disciplines to accomplish its task and in this fashion be practiced as a truly dialogical criticism. [1]

When compared with Literature and Art Criticism, Landscape Criticism appears considerably underdeveloped; for reasons that are outside the scope of this article, is at present somewhat 'the poor relative' of the other fields of criticism [2]. Considering this precarious stage of development, the best strategy for advancement seems to be the adoption of tenets and methods from the more developed fields of criticism. Rosario Assunto (in Introduzione alla critica del paesagio) posed the question as to whether it might be possible to elaborate a landscape criticism comparable to art criticism.[3] The case for the adoption of notions and methods from Literary criticism is presented by Goldfarb [4].

By analogy with the workings of Literature and Art Criticism it may be said that Landscape Criticism has two main modes of action which may be termed The Autonomous and The Relational.

The Autonomous mode tends to consider its subject (works of art, texts or, in our case landscapes) as an amorphous aggregate of autonomous works (landscapes in our case) each work deserving critical attention on its own merits. This is by far the most widespread mode of criticism, a criticism that results in a 'judgment of ' and hence the name judicial criticism often applied to this mode. [5]

What I call the Relational mode focus its attention on interrelations between works and /or between them and various cultural manifestations. It is a comparatively new trend in criticism. Regarding Literature the quest for relations between individual works, seeking to discern structures into an otherwise chaotic collection of them, was pursued with impetus by critics such as N. Frye, J. Culler, S. Todorov, M. Bakhtin and others in the second half  of the last century [6].

Categorization work like the one of Barocchi's that occupies us here belongs of to this Relational mode. In the case of landscapes it is fraught with additional difficulties to those in the fields of Literature or Art, stemming largely from the indeterminacy of landscapes [7].

Todorov [8] considers that "the fundamental problem of literary theory" arises from that "possibility of choice" between the two alternatives; he stresses that "they can never do without each other" (Pref.xxii) and that criticism finds itself in permanent oscillation between one and the other.  Nor, in my opinion, "can they do without each other" in landscape theory; I tend to agree with Todorov in that exegesis (in our context: interpretation of individual landscapes) "always presupposes a theory, however unconscious" and in that "theory depends on exegesis to make contact with the substance that serves as its point of departure". (xxii)   

 In the following I discuss, tentatively, how Landscape Criticism could contribute to a critical examination of the distinctions between the first three categories proposed by Barocchi [9].

The landscapes in the central category, the callitipi, for instance, are characterized by a "generale elevato valore" which leads to the question of the nature of the value to be considered and next to that of the ways of discriminating between 'elevato valore", "eccezionale valore" and the "commune valore" of the adjoining categories.

Following Dewey [5], we might say that "appreciation is said to occur with respect to values and criticism is currently supposed to be a process of valuation". There is then a close connection between Landscape Appreciation [10] and Landscape Criticism, with the proviso that, whilst the process of Appreciation has no definite end product, the process of Criticism results in judgments about the relevant values.

Within the framework of a pluralistic (as opposed to a monistic) view of values, the relevant Landscape Values may relate to scientific fields (e.g. Geology, Ecology),or  to religious, historical or socioeconomic considerations. Preeminent between the various kinds of values is the so-called 'aesthetic value' of a landscape; this value is the one that is most likely to be deeply altered by introducing built structures and hence usually carries more weight in the context of man-induced modifications. Criticism then, in this context, would be primarily concerned about judging the aesthetic quality of a landscape.

 When saying that landscape criticism is a process of valuation one should carefully avoid confusion between 'valuation' and 'evaluation'; the latter may be said to assume the existence of standards through which a value may be quantized. Since Barocchi calls his schema a "qualitative classification" this danger seems to be addressed by him. Nevertheless qualitative comparisons of value are footed on a rather slippery ground. A critic may pronounce a particular landscape as 'beautiful' and another as 'ugly', but when it comes to qualify something as more beautiful than and another as less beautiful than, he will be hard pressed to justify his judgment without falling into dogmatism. Accordingly to judge particular landscapes as having "eccezionale" or "elevato" or "commune" valore might prove to be a particularly complex task.

Taking into account the complexity of the task, an approach that may prove useful in tackling the distinctions between these three categories is the one I have proposed [11] for dealing with the landscape typology of Christian Norberg-Schulz [12].  It starts with considering the categories as 'landscape genres' along the lines followed by Frye, Fowler, Todorov and Bakhtin for literary genres [4].  To consider particular landscape categories as Genres entails admitting extremely flexible and dynamic rules of categorization; this flexibility includes reckoning with undefiniability, diffuse boundaries, graded membership and doing away with the Aristotelian condition of being mutually-exclusive. A second step would be to put forward 'best examples' or 'archetypes' for each landscape genre on the basis of a set of characteristics of the archetype. Actual landscape examples could be radially distributed around the center according to the number of characteristics they share with the 'best example'; the more shared characteristics the more typical of a genre and, with 'poor examples' of the landscape genre towards the periphery.

[1] Todorov, Tzvetan: A Dialogic Criticism?, in  Literature and its Theorists, Cornell Univ. Press, New York , 1987.

[2] Some recent very interesting work on Landscape Criticism has been carried out in France . See for instance: Chomarat-Ruiz, Catherine, "La critique de paysage peut-elle être scientifique?", Projet de Paysage, publié le 12/12/2008 http://www.projetsdepaysage.fr/fr/la_critique_de_paysage_peut_ elle_etre_scientifique_.Brunon, Herve, "Pour une archeologie de la critique de paysage", Projets de Paysage, publié le 13, 12, 2008, http://www.Projetsde paysage.fr/fr/pour_une_archeologie_de_la_critique_de_paysage

[3] Quoted in Milani, Rafaelle."The Birth of the Aesthetics of Landscape". Quaderni d'Italianistica, 20,(1999):21-32.

[4] Goldfarb, Jorge D., "Landscape Criticism and Literary Criticism", Land-scapes, ICLL, Cowan Univ. , to be published.

[5] An insightful Essay on 'judicial criticism' is presented by John Dewey (1934) in "Criticism and Perception" included in his book Art and Experience, Berkley Publ. 2005.

[6] For a critical discussion of the work of these writers see Todorov's , Ref. [1].

[7] What I call 'indeterminacy' stems largely from the fact that landscape criticism cannot deal with a concrete, definite subject. In Art or Literature the ultimate reference is the original artwork and text. By contrast, landscapes cannot be selected in space or frozen in time, except by 'representations' like photos or films.

[8] Todorov, Tzvetan. Introduction to Poetics. Theory and History of Literature vol. 1,Minnesota, Univ. Press. 1997.

[9] I am not considering here Barocchi's fourth category that of cacotipi because its problematic is of a different nature than the first three.

[10] For a number of Essays on Landscape Appreciation of non-designed landscapes see: http://www.freewebs.com/jorgeg/.

[11] Goldfarb, Jorge D., Landscape Genres and the Norberg-Schulz Typology. 2011: http://landsgenre.webs.com/nstypologyasgenres.htm.

[12] A typology for 'natural places' is presented in Norberg-Schulz book: Genius Loci: Towards a Phenomenology of Architecture, New York : Rizzoli Publ. 1979. The book is particularly relevant to what is discussed here because it partly addresses questions that arise from Barocchi's second and third categories.

Alcune note sulla critica dei paesaggi e la classificazione qualitativa di R. Barocchi 

Jorge D. Goldfarb

R. Barocchi, nel suo articolo su La classificazione del paesaggio, propone uno schema di classificazione qualitativa dei paesaggi. A mio avviso, un aspetto positivo della sua classificazione è che tenta di rispondere alla domanda di un deciso intervento umano per tutti i tipi di paesaggi e non solo per alcuni privilegiati. Molte attività accademiche e governative sono state incentrate negli ultimi decenni sulla selezione di paesaggi culturali, tradizionali o notevoli. Ciò che queste categorizzazione hanno in comune è che sono dirette a selezionare paesaggi di eccezionale valore, a cui il massimo sforzo dovrebbe essere dedicato alla loro conservazione; tuttavia lasciano aperta la questione di ciò che dovrebbe essere fatto con gli altri. Dal momento che questi includono la stragrande maggioranza dei paesaggi che possiamo incontrare nel nostro mondo e costituiscono il campo di battaglia su cui si oppongono le forze sociali ne consegue, quindi, la rilevanza dello schema di Barocchi per la principale problematica dei paesaggi contemporanei.

L'intenzione del presente articolo è di esplorare il ruolo che la critica del paesaggio può giocare nella classificazione qualitativa del Barocchi dell'applicazione (e, per estensione, di categorizzazioni qualitativi altri) alle istanze del paesaggio individuali. Potremmo in conciso affermare che la connessione con la critica del paesaggio deriva dal principio espresso da Barocchi: "tanto maggiore è il valore paesaggistico di un luogo, tanto meno, in genere esso sopporta interventi che lo modifichino".Poiché i criteri guida per la categorizzazione sono i valori paesaggistici e la critica del paesaggio riguarda principalmente i giudizi di valore, da qui il collegamento. Questo non significa che l'architettura del paesaggio, la geografia, l’estetica, le scienze ambientali e altre discipline non hanno un ruolo da svolgere. La critica del paesaggio, se saggiamente intrapresa, dovrebbe avvalersi di queste altre discipline per svolgere il suo compito e in questo modo essere praticata come una reale critica dialogica[1]

Rispetto alla critica letteraria e alla critica d'arte, la critica del paesaggio appare molto poco sviluppata; per ragioni che non rientrano nell'ambito di questo articolo, è attualmente un po’ il “parente povero” degli altri campi della critica [2].Considerando questa fase precaria di sviluppo, la strategia migliore per l'avanzamento sembra essere l'adozione di principi e metodi provenienti dai settori più sviluppati della critica. Rosario Assunto (in Introduzione alla Critica del passaggio) pone la questione se sia possibile elaborare una critica del paesaggio paragonabile alla critica d'arte.[3] Il caso per l'adozione di nozioni e metodi di critica letteraria è presentata da Goldfarb [4].

Per analogia con il funzionamento della critica della letteratura e dell'arte si può dire che la critica del paesaggio ha due modalità principali di intervento che possono essere definite autonoma e relazionale.

Il modo autonomo tende a considerare il suo soggetto (opere d'arte, testi, etc.) come uno aggregato amorfo di opere autonome (paesaggi nel nostro caso) ogni opera meritevole di attenzione critica sui propri meriti. Questo è di gran lunga il modo più diffuso di critica, una critica che si traduce in un “giudizio di” e quindi il nome di critica giudiziaria spesso applicato a questa modalità. [5]

Quello che io chiamo modo relazionale focalizza la propria attenzione sulle interrelazioni tra opere e/o tra queste e varie manifestazioni culturali. Si tratta di una tendenza relativamente nuova nella critica. Per quanto riguarda la ricerca della letteratura per i rapporti tra singole opere, cercando di discernere le strutture in un insieme altrimenti caotico di opere, questo metodo è stato perseguito con impeto dalla critica come N. Frye, J. Culler, S. Todorov, M. Bakhtin e altri, nel secondo metà del secolo scorso [6].

Un lavoro di classificazione come quello di Barocchi, di cui tratto, assomma le due modalità. Nel caso dei paesaggi è irto di difficoltà supplementari rispetto ella letteratura o ell'arte, derivante in gran parte dalla indeterminatezza del paesaggio [7].

Todorov [8] ritiene che "il problema fondamentale della teoria letteraria" nasce dalle “possibilità di scelta” tra le due alternative; egli sottolinea che “non potranno mai fare a meno di esse”(Pref.xxii) e che la critica si trova in oscillazione permanente tra l’una e l'altra. Né, a mio parere, “possono fare l’una senza l'altra”, nella teoria del paesaggio; tendo a concordare con Todorov nel fatto che l’esegesi (nel nostro contesto: l'interpretazione di paesaggi individuali) “presuppone sempre una teoria, ma inconsapevole” e che “la teoria condiziona l'esegesi nell’entrare in contatto con la sostanza che serve come punto di partenza ". (xxii)

Nel seguito tento di descrivere come la critica del paesaggio potrebbe contribuire ad un esame critico delle distinzioni tra le prime tre categorie proposte da Barocchi [9].

I paesaggi nella categoria centrale, i callitipi, per esempio, sono caratterizzati da un “generale elevato valore” che porta alla questione della natura del valore da considerare e accanto a quello dei modi di discriminare tra “elevato valore”, “eccezionale valore” e “ valore comune”delle categorie adiacenti.

Seguendo Dewey [5], potremmo dire che “la stima definisce dei valori e la critica è correntemente ritenuta un processo di valutazione". Vi è poi una stretta relazione tra classificazione qualitativa del paesaggio [10] e critica del paesaggio, con la condizione che, mentre il processo di classificazione qualitativa non produce risultati concreti, il processo di critica produce giudizi concreti di valore.

Nel quadro di una pluralistica (in contrapposizione ad una monistica) visione dei valori, i valori paesaggistici rilevanti possono riguardare settori scientifici (ad esempio, la geologia o l’ecologia), o religiosi, considerazioni storiche e socioeconomiche autorevoli tra i vari tipi di valori. Il cosiddetto “valore estetico” di un paesaggio è quello che è più facile sia profondamente modificato con l'introduzione di strutture costruite e, quindi, di solito porta un peso maggiore nel contesto delle modificazioni antropiche. Il criticismo poi, in questo contesto, si preoccuperebbe in primo luogo di giudicare la qualità estetica di un paesaggio.

Quando si dice che la critica del paesaggio è un processo di valutazione, si dovrebbe fare attenzione ad evitare confusione tra “valutazione” e “stima”, la seconda si può dire che assuma il valore di criteri in base a cui un valore può essere definito. Dal momento che Barocchi chiama il suo schema una "classificazione qualitativa" sembra che egli abbia affrontato questo pericolo. Tuttavia i confronti qualitativi di valore sono fondati su un terreno piuttosto scivoloso. Un critico può definire un paesaggio particolare come “bello” e un altro come “brutto”, ma quando si tratta di qualificare qualcosa come più bello che” e un altro “meno bello che” si faticherà a giustificare il giudizio senza cadere nel dogmatismo. Di conseguenza a giudicare paesaggi particolari come aventi valore "eccezionale" o "elevato" o "comune" potrebbe rivelarsi un compito particolarmente complessa.

Tenendo conto della complessità del compito, un approccio che può rivelarsi utile per affrontare le distinzioni tra questi tre categorie è quella che ho proposto [11] per affrontare con la tipologia del paesaggio di Christian Norberg-Schulz [12]. L’ approccio inizia con il considerare le categorie come “generi del paesaggio”, lungo le linee seguite da Frye, Fowler Todorov e Bachtin per generi letterari [4]. Da considerare categorie particolari come Generi comporta l’ammettere regole estremamente flessibili e dinamiche di classificazione; questa flessibilità comprende il tener conto dell’ indefinibilità, di confini non certi,di situazioni di graduale variazione e non considerando la condizione aristotelica di reciproca esclusione. Un secondo passo sarebbe quello di mettere in primo piano dei “migliori esempi” o “archetipi” per ogni genere del paesaggio sulla base di una serie di caratteristiche dell'archetipo. Al centro si collocano quegli esempi  che hanno molte caratteristiche con esso e in periferia quegli esempi che hanno poche caratteristiche comuni (esempi poveri).  

[1] Todorov, Tzvetan: A Dialogic Criticism?, in  Literature and its Theorists, Cornell Univ. Press, New York, 1987.

[2] Alcuni recenti lavori molto interessanti sulla critica del paesaggio sono stati pubblicati in Francia. Si veda ad esempio: Chomarat-Ruiz, Catherine, "La critique de paysage peut-elle être scientifique?", Projet de Paysage, publié le 12/12/2008 www. projetsdepaysage.fr/fr/la_critique_de_ paysage_peut_elle_etre_scientifique; Brunon, Herve, "Pour une archeologie de la critique de paysage", Projets de Paysage, publié le 13, 12, 2008, www.projetsdepaysage.fr/fr/pour_une_archeologie_de_la_critique_ de_paysage.

[3] Citato in Milani, Rafaelle."The Birth of the Aesthetics of Landscape". Quaderni d'Italianistica, 20,(1999):21-32.

[4] Goldfarb, Jorge D., "Landscape Criticism and Literary Criticism", Landscapes, ICLL, Cowan Univ., to be published.

[5] Un saggio molto acuto sul “criticismo giudiziario” é presentato da John Dewey (1934) in "Criticism and Perception" nel suo libro Art and Experience, Berkley Publ. 2005.

[6] per una discussione critica del lavoro di questi autori vedasi Todorov's , Ref. [1].

[7] Ciò che io chiamo “indeterminatezza”. Deriva dal fatto che la critica del paesaggio non può trattare soggetti concreti e definiti. Nell’arte o nella letteratura il definitivo riferimento é l’opera originale o il testo. Per contro, i paesaggi non possono essere definiti nello spazio o congelati nel tempo se non da rappresentazioni come foto o film.

[8] Todorov, Tzvetan. Introduction to Poetics. Theory and History of Literature vol. 1, Minn., Minnesota, Univ. Press. 1997.

[9] Non considero la quarta categoria di Barocchi dei cacotipi perchè la sua problematiche é di diversa natura rispetto alle prime tre.

[10] per un numero di saggi sulla percezione dei paesaggi non progettati vedasi www.freewebs.com/jorgeg/.

[11] Goldfarb, Jorge D., Landscape Genres and the Norberg-Schulz Typology. 2011: www.landsgenre.webs.com/nstypologyasgenres.htm

[12] Una tipologia di “luoghi naturali “ è descritta in Norberg-Schulz book : Genius Loci: Towards a Phenomenology of Architecture, New York: Rizzoli Publ. 1979. Il libro é particolarmente rilevante poichè si rivolge in parte le domande che sorgono dalle categorie seconda e terza di Barocchi.

 


Risponde Roberto Barocchi

Ringrazio Jorge Goldfarb dell’interessante intervento, che mi ha stimolato a cercare di rispondere ad alcuni interrogativi.

In effetti anche in Italia la legge vuole tutelare i paesaggi che dovrebbero avere un valore eccezionale. Ma sono convinto che oltre al vincolo sui paesaggi eccellenti si dovrebbe operare con gli strumenti di pianificazione territoriale in modo da considerare tutti i paesaggi: quelli eccezionali da conservare, quelli degradati da migliorare, quelli notevoli o comuni di cui regolare le eventuali trasformazioni.

Penso che il paesaggio possa essere studiato secondo 3 punti di vista:

1.      tassonomico, consistente nel classificare i tipi di paesaggi in base alle loro caratteristiche; questo dovrebbe essere compito dei geografi, anche se molti architetti che se ne occupano li classificano in questo modo, ma la sua finalità può essere solo conoscitiva e non finalizzata alla pianificazione urbanistica né alla progettazione di opere, non comportando questo approccio la stima del valore dei vari paesaggi.[i]

2.      critico, cercando di capire il perché un certo paesaggio ha un certo valore e quali sensazioni trasmetta, così come si studia un quadro o una poesia; questo approccio può aiutare chi vuole conoscere il valore dei singoli paesaggi, ma non ha ancora una funzione tecnica operativa;

3.      qualitativo, per conoscere quali parti di un territorio hanno un maggiore o minore valore estetico e identitario per consentire agli urbanisti di decidere dove collocare le previsioni di trasformazione di un territorio e agli architetti e ingegneri di sapere quali criteri scegliere nei loro progetti.

In altri termini, conoscendo il valore paesaggistico di un luogo secondo una classificazione qualitativa:

1.      si potranno collocare i nuovi insediamenti e le nuove grandi opere in aree di minor valore paesaggistico;

2.      si potrà decidere che rapporto dare ad un’opera, sia essa un edificio o una strada o altro, rispetto al contesto in cui saranno collocate (rapporto opera paesaggio) secondo il principio da me espresso e citato da J. Goldfarb: potrà essere un rapporto forte come la dominanza in aree di scarso valore, o debole come la non interferenza, la coerenza, l’uniformità, il mascheramento o l’occultamento in aree di elevato valore. Vedasi la pagina i rapporti opera - paesaggio

Ma come fare a sapere quanto “vale” un certo paesaggio?

Qui si pone prima di tutto il quesito se un certo valore estetico (bellezza) sia uguale per tutti, se insomma esista un gusto universale in base al quale si possa giudicare allo stesso modo la bellezza e il valore identitario di un paesaggio.

Non esiste.

Però, come si ritiene che esista un comune senso del pudore, anche se in una popolazione alcuni sono più libertini di altri, si può sostenere che esista un comune senso estetico, cioé un senso estetico che entro certi limiti é proprio di una maggioranza di individui (quello che in statistica si chiama moda).

Se é vero infatti che molti amano le case e gli arredamenti falsi antichi, che a persone di maggior cultura estetica paiono orribili perché danno una sensazione di falso, è vero anche che certi paesaggi, come quelli montani o lacustri o boscati o quelli dei centri antichi sono considerati generalmente belli e pochi direbbero che Venezia, Firenze o un paesaggio alpino sono brutti. E la maggior parte delle persone va in vacanza in luoghi caratterizzati da un alto valore estetico e identitario.[ii]

Per fare questo non ci possiamo avvalere di formule matematiche, poichè i paesaggi, così come i dipinti, le poesie, la musica, il cibo o i vini valgono nella misura in cui riescono a produrre in noi sensazioni di bellezza, di bontà, di identità. Possiamo usare i due metodi che ho proposto.

Il metodo qualitativo puro consiste nel domandarci: questo paesaggio è tanto bello che non deve essere modificato? Oppure è tanto bello che è meglio non modificarlo, ma se si deve dobbiamo farlo con molta cautela per mantenere le sue qualità? Oppure è un paesaggio comune che possiamo anche modificare purché non vi introduciamo elementi di disordine? Oppure è così brutto e degradato che bisognerebbe migliorarlo?

Queste domande corrispondono alle 4 principali categorie in cui ritengo si possano collocare i paesaggi. Una tale operazione ovviamente richiede una certa sensibilità estetica e un po’ di esperienza professionale, altrimenti si potrebbe considerare di valore anche un paesaggio brutto o insignificante.[iii]

Il metodo tassonomico qualitativo consiste nell’assegnare a priori con un numero una posizione in una scala a ognuno dei vari elementi morfologici: monti, terreni ondulati, fiumi meandrizzati pianura ecc. e ai vari elementi di soprassuolo (land use): tipi di edifici, boschi, campi di mais, ecc.. Questo “valore” viene assegnato per comparazione: un bosco é più bello di un vigneto, un vigneto di un campo di mais, ecc. così come per comparazione (un materiale è più duro di quelli che scalfisce e più tenero di quelli da cui è scalfito) è stata compilata la scala delle durezze di Mohs. Ne consegue che i numeri assegnati non corrispondono a matematici valori, ma solo alle posizioni in un elenco. Questo metodo non è del tutto automatico come potrebbe sembrare perché bisogna calibrare i “valori” (le posizioni in una scala) e comunque controllare i risultati in base alla propria esperienza.[iv] Mi risulta che altri autori abbiano elaborato un metodo simile a questo.[v]

Per quanto riguarda poi le altre discipline, è vero che botanici, geologi, geografi si occupano di paesaggio: i geografi in base a varie scuole di pensiero,[vi] i botanici e geologi spesso seguendo la definizione cosiddetta scientifico-ecologista confondendo gli oggetti dei loro studi con il loro aspetto.

Alcuni anni fa organizzai presso l’Università di Trieste un corso sul paesaggio rivolto agli architetti ed altri tecnici, al quale chiamai a tenere delle lezioni anche specialisti di varie discipline: botanica, geografia, geologia, psicologia della percezione. L’impressione che ebbi è che delle loro lezioni niente fosse utilizzabile per classificare il paesaggio e progettare piani urbanistici e opere. In Italia (non so se anche in altri Paesi, ma altrove forse meno) fra architetti e urbanisti da una parte e specialisti di altre discipline dall’altra il dialogo é spesso difficile.



[i] Allo stesso modo i naturalisti tassonomizzano gli animali e i vegetali per descriverli e collocarli in una visione sistematica, ma per sapere quali parti di un territorio devono diventare parchi naturali si dovrà emettere un giudizio di valore scientifico di alcune specie animali e vegetali o di loro associazioni, che vi sono presenti indipendentemente dalla posizione che occupano nella classificazione tassonomica.

[ii] Lo stesso avviene nelle arti: alcuni preferiranno i fumetti di Mazinga ai dipinti di Giotto o di Picasso o la musica rock alle musiche di Mozart, eppure i dipinti di Giotto e Picasso e la musica di Mozart sono considerati universalmente di ben maggiore valore artistico.

[iii] Certamente qualcuno considera belli i falsi paesaggi dei villaggi outlet, serie di negozi costruiti in aperta campagna che vorrebbero assomigliare a borghi antichi.

[iv] Io preferisco il metodo qualitativo puro; ai miei studenti facevo condurre delle analisi su un territorio con i due metodi per ppoi confrontarne i risultati.

[v] U.S. Department of Agriculture - U.S. Forest Service (USDA-FS). Landscape Aesthetics. A Handbook for Scenery Management. Agricultural Handbook Number 701. Washington, D.C. 1995.

[vi] La scuola detta scientifico – ecologista che confonde il paesaggio con l’intero universo, definendolo l’insieme delle cose e delle relazioni fra di esse, la scuola storicista che definisce il paesaggio il risultato dell’evoluzione della Natura e delle azioni dell’uomo (verissimo, ma non è una definizione, bensì una constatazione”, la scuola che potremmo chiamare geograficista, ma fortunatamente non condivisa da tutti i geografi, secondo cui il paesaggio è un territorio o una regione, la scuola percettivista, a cui appartengo e che è seguita anche da autorevoli geografi, secondo cui il paesaggio è l’aspetto di un luogo, ovvero l’insieme delle forme di un luogo e delle relazioni fra di esse.

 

home

 

Questa pagina è stata redatta dall'arch. Roberto Barocchi,

Può essere riprodotta citando  il nome dell'autore e dandone comunicazione a  info@ilpaesaggio.eu 

 

 

 

 

 forme di tutela: