Il sito del paesaggio

 

 

IL CONCETTO DI PAESAGGIO SECONDO ALCUNE STUDENTESSE UNIVERSITARIE

Alcune studentesse di un corso di cultura italiana presso l’Università di Salisburgo diretto dalla professoressa Enrica Rigamonti hanno cercato delle definizioni di paesaggio e me le hanno mandate. Le riporto commentandole. La loro ricerca dimostra quanto fonti anche autorevoli facciano confusione su cosa sia il paesaggio, scambiandolo per un territorio, per una veduta, per un panorama, per delle caratteristiche qualsiasi (non solo visibili) ecc.

 SG "Il complesso di elementi caratteristici di una zona determinata"

delle 3 definizioni che hai trovato su wordreference la prima è inaccettabile, la seconda riguarda la pittura. La terza, che hai scelto, si avvicina al vero e sarebbe giusta se al posto di "elementi caratteristici" fosse scritto "forme e relazioni fra di esse". Infatti gli elementi caratteristici comprendono anche aspetti non visibili, che non producolo paesaggio.

 EG Parte di territorio che si abbraccia con lo sguardo da un punto determinato. Il termine è usato in particolare con riferimento a panorami caratteristici per le loro bellezze naturali, o a località di interesse storico e artistico, ma anche, più in generale, a tutto il complesso dei beni naturali che sono parte fondamentale dell’ambiente ecologico da difendere e conservare La fonte: http://www.treccani.it/enciclopedia/paesaggio/

La definizione che hai scelto è di tipo "geografista" mista a una definizione storicista, ma è sbagliata: il paesaggio non è un territorio, ma il suo aspetto.

Ogni parte di un territorio produce paesaggio, bello o brutto che sia, non solo i luoghi con contenuti naturali o storici. Il panorama è l'aspetto di un luogo visto da un certo punto di vista, mentre la veduta è ciò che si vede da un punto di vista guardando in una direzione. I panorami e le vedute non sono quindi paesaggi, ma cià che di loro si vede.  

LS

·        1 Una porzione di territorio come appare a chi la guarda SIN panorama: p. desolato; ammirare il p.

·        2 estens. Opera artistica che riproduce un p. SIN veduta

·        3 geogr. Territorio, ambiente contraddistinto da particolari caratteristiche: p. urbano, lacustre

(sito del Corriere della Sera www.corriere.it - dizionario italiano, 5 marzo 2015)

Delle tre definizioni:

  • la prima è sbagliata, poiché confonde il paesaggio con un panorama che è un paesaggio visto da un punto, mentre un paesaggio è l'aspetto di un luogo;

  • la seconda è giusta, ma si riferisce a un dipinto;

  • la terza è sbagliata perchè un territorio non è un paesaggio (sarebbe se come tu dicessi che il tuo aspetto sei tu). Il paesaggio non è neanche un ambiente, posto che l'ambiente è tutto cià con cui ognuno di noi è direttamente o indirettamente in relazione: il paesaggio è invece un settore dell'ambiente: altri sono l'ambiente fisico, naturale, biologico, storico e sociale. le caratteristiche di un luogo che producono paesaggio non sono tutte quelle che lo caratterizzano, ma solo quelle percepibili.

  • Insomma, per dirla in breve, il paesaggio è l'insieme delle forme di un luogo e delle relazioni fra di esse, o, se si vuole, il paresaggio è l'aspetto di un luogo.

 LG Il Paesaggio secondo il Nuovo Soggettario Thesaurus della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze: "Veduta, Panorama, parte di territorio che si abbraccia con lo sguardo da un punto determinato e che si distingue per speciali caratteristiche fisionomiche e geografiche, che possono essere oggetto di tutela." Fonte: http://thes.bncf.firenze.sbn.it/termine. php?id=8240&menuR=2&menuS=2

La veduta è un panorama osservato guardando in una direzione; il panorama è un paesaggio visibile da un punto.

 TL Paesaggio è una "parte di territorio che si abbraccia con lo sguardo da un punto determinato. Il termine è usato in particolare con riferimento a panorami caratteristici per le loro bellezze naturali, o a località di interesse storico e artistico, ma anche, più in generale, a tutto il complesso dei beni naturali che sono parte fondamentale dell’ambiente ecologico da difendere e conservare".Fonte: http://www.treccani.it/enciclopedia/ paesaggio/

Purtroppo anche i migliori dizionari spesso sbagliano nel definire il paesaggio. D'altronde su cosa sia dibattono varie sculoe di pensiero, quali scientifico ecologisti, geografisti, storicisti e percettivisti. Un paesaggio non è una parte di territorio così come il tuo aspetto non è una parte di te, ma ciò che vede chi ti guarda. Ogni parte di territorio produce un paesaggio, bello o brutto che sia. Insomma, per dirla in breve, il paesaggio è l'insieme delle forme di un luogo e delle relazioni fra di esse, o, se si vuole, il paresaggio è l'aspetto di un luogo.

 UZ "territorio, ambiente contraddistinto da particolari caratteristiche" (fonte:  )

Il paesaggio non è un territorio, ma il suo aspetto. Ogni luogo ha delle caratteristiche, ma solo le caratteristiche visibili producono paesaggio. Insomma,il paesaggio è l'insieme delle forme di un luogo e delle relazioni fra di esse, o, se si vuole, il paresaggio è l'aspetto di un luogo.

 SDE "In geografia il termine indica l´insieme delle manifestazioni sensibili di un paese o di un territorio. [...] La nozione fi paesaggio sottesa a queste espressioni é quella di una percezione che unisce le forme naturali, che costituiscono i territori di vita dell´uomo, a tutti gli elementi o segni che ne corso del tempo, secondo le finalitá piú diverse che l´uomo ha inserito nell´ordine naturale. [...] La nozione di paesaggio é ancora oggi divisa da questi due orientamenti che riguardano il ruolo assunto dall´uomo nel costruire il paesaggio. Il primo si inserisce nella visione ecologista, che studia e si interroga sulla capacitá dell´ uomo di modificare e turbare gli equilibri naturali. L´altro orientamento, che mette al centro del paesaggio l´uomo (attore e percettore), dá molta importanza alla percezione, tramite sensoriale attraverso il quale l´uomo si rapporta alla natura."(http://www. fondoambiente.it/upload/oggetti/Definizione_paesaggio.pdf)

Bingo!  la definizione che proponi è complicata, ma sostanzialmente corretta. Le definizioni che preferisco sono: il paesaggio è l'insieme delle forme di un luogo e delle relazioni fra di esse, o, se si vuole, il paresaggio è l'aspetto di un luogo. Per premio ti do anche un'altra definizione che scrissi nel mio Dizionario di urbanistica (Franco Angeli, seconda edizione, 1984, non più in commercio): "... può definirsi come la forma dell'ambiente..." La definizione che inventai allora mi piace ancora perché è una specie di slogan, ma è meno precisa perché l'ambiente comprende anche aspetti non visibili e aspetti visibili ma non facenti parte di un luogo aperto (le grotte, le stanze degli edifici).


avanti: il valore del paesaggio

home

Questa pagina è stata redatta dall'arch. Roberto Barocchi.
Può essere riprodotta citando il nome dell'autore e dandone comunicazione a inf@ilpaesaggio.eu